24 Apr
  • By produzione
  • Cause in

International Conference “TEMPORARY ALTERNATIVE MEASURES FOR ROAD TUNNEL SAFETY”, 24/03/2019

Lo scorso 29 Marzo, presso l’Auditorium ANCE in Via Guattani a Roma, si è svolta la Conferenza Internazionale dal titolo “TEMPORARY ALTERNATIVE MEASURES FOR ROAD TUNNEL SAFETY”, con il patrocinio dell’Ordine degli Ingegneri di Roma. Gli onori di casa sono stati fatti dai rappresentanti del Comitato organizzatore di questa interessante iniziativa: l’Ing. Alessandro Focaracci, Presidente della Fondazione FASTIGI e l’Ing. Salvatore Giua, Presidente del Comitato Tecnico D5 Piarc Italia.

La Conferenza si è inserita sulla scia della precedente Conferenza Internazionale, organizzata nel Febbraio 2017 sempre dalla Fondazione FASTIGI e dal Comitato Italiano del PIARC sul tema “SAFETY IN ROAD TUNNELS-OPERATIONAL MEASURES IN THE EUROPEAN DIRECTIVE” che aveva l’intento di approfondire le misure alternative e compensative ai cosiddetti “requisiti strutturali” capaci di garantire un livello di sicurezza almeno equivalente a quanto prescritto dalla Direttiva 2004/54/CE. Tale iniziativa ebbe un enorme riscontro a livello nazionale ed europeo ed i risultati delle discussioni lì avviate sono diventate un riferimento per ogni successiva discussione tecnica e politica.

All’invito hanno risposto, con fattiva partecipazione, tutti i principali soggetti interessati: il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, il Consiglio Superiore dei LL.PP., Anas SpA, i principali concessionari autostradali pubblici e privati rappresentati da AISCAT e con la presenza diretta di Autostrade per l’Italia e Gruppo Gavio. Presenti in sala i responsabili delle Autostrade A24 e A25 ed in generale le principali aziende private operanti nel settore e i professionisti del mondo delle infrastrutture.
L’organizzazione di questo interessante convegno è stata salutata con entusiasmo anche dal Commissario Europeo Philipp Troppmann (Directorate General for Mobility and Transport – DG MOVE Unit C.2 – Road Safety), che ha inviato i suoi saluti e sottolineato come il tema trattato sia di grande attualità e come occorre concentrarsi sulle nuove sfide note nel campo della sicurezza stradale e sui cambiamenti della mobilità derivanti dalle tendenze della società nonché dagli sviluppi tecnologici.

Durante la sessione tecnica, il presidente della Fondazione Fastigi, l’Ing. Focaracci ha esposto l’analisi di rischio dinamica all’interno del quadro dello Smart Tunnel attraverso lo SCADRA (Supervisory Control Acquisition and Dynamic Risk Analysis). Trattasi di un’importante innovazione tecnologica, che rende ancor più significative le misure di gestione delle gallerie quali quelle regolanti il traffico (velocità, sorpasso, distanza fra i veicoli) e quelle di gestione antincendio come le squadre di presidio di tunnel e di pattugliamento di tratta con sequenze di tunnel. La nuova idea di Prometeoengineering.it prevede di realizzare il tunnel attrezzato con sensori che misurano le condizioni della galleria e di tutti gli impianti presenti, del traffico e delle condizioni ambientali che determinano il livello di rischio in galleria definito secondo la metodologia prescritta dal D.Lgs. 264/2006 art.13. Tramite la metodologia IRAM (l’unica conforme ai dettami legislativi e che supera i ben noti limiti dell’inapplicabile DG-QRAM ufficialmente non conforme ai dettami del D.Lgs. 264/2006) ed il codice EURAM, con frequenza prestabilita, viene calcolato il rischio residuo istantaneo che viene confrontato con quello approvato dall’Autorità Amministrativa. Le misure alternative verranno indicate dallo SCADRA, quelle più adeguate a far fronte all’incremento di rischio in maniera mirata e solo quando effettivamente necessario.
Gli interventi successivi sono stati presentati da Domenico Crocco (Primo Delegato e Segretario Generale PIARC Italia-Responsabile Affari Istituzionali Internazionali Anas S.p.A. già Capo Dipartimento al MIT che a lungo si è confrontato con la Commissione Europea), Luigi Abate (Dirigente Generale AR. Del Corpo Nazione VV.FF. sul tema de “Gli incendi nelle gallerie stradali e autostradali – problemi e rimedi”) e Marc Tesson (Presidente del Comitato Tecnico D5 Piarc Francia che ha rappresentato il punto di vista del suo Paese).

Alla Tavola Rotonda, coordinata dall’Ing. Giua, hanno partecipato i rappresentanti dei concessionari italiani (Mauro Moretti di Autostrade per l’Italia), i rappresentanti dei principali paesi europei (Sonja Wiesholzer per l’Austria e Kristin Van der Auwera per il Belgio), il rappresentante del main sponsor (Alessandro Pedone – Gruppo Servizi Associati SpA) e un rappresentante extra-europeo (George Mavroyeni – Australia). Il punto di partenza per tutti gli interventi è lo stato dell’applicazione della Direttiva Europea nel proprio Paese o, nel caso di non applicabilità, quali siano le misure operative messe in atto per la sicurezza degli utenti nelle gallerie.

In conclusione, è intervenuto l’Ing. Ruggero Renzi, in rappresentanza del Presidente del Cons. Sup. LL.PP. Donato Carlea, che ha elogiato il contenuto interessante e trasversale degli interventi che lo hanno preceduto e che ha fornito un focus sulla situazione delle gallerie italiane da quando è entrata in vigore la direttiva fino ai giorni nostri.