17 Ott
  • By produzione
  • Cause in

I principi del metodo comparativo

L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma, in collaborazione con la Fondazione FASTIGI, Gruppo Servizi Associati (GSA) e Strada dei Parchi, ha organizzando un Tavolo di discussione(Seminario) dal tema «La sicurezza antincendio nelle gallerie della rete stradale e autostradale italiana e le nuove tecnologie» (D. Lgs. 264 del 5 ottobre 2006) che si terrà il 17 ottobre 2013.
Il Tavolo di discussione è patrocinato dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici e dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri e si presso l’ISA – Istituto Superiore Antincendio Via del Commercio 13 – Roma.

Promotore dell’iniziatica e coordinatore del Tavolo di discussione sarà l’ Ing. Tullio Russo, Consigliere Ordine Ingegneri della Provincia di Roma. Parteciperà come relatore anche l’Ing. Alessandro Focaracci, Presidente della Fondazione Fastigi che esporrà il progetto della sicurezza nelle gallerie stradali e ferroviarie. Saranno altresì presenti come relatori esperti della sicurezza antincendio quali membri del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, dirigenti dei Vigili del Fuoco e docenti dell’Università La Sapienza di Roma.

Il tema di discussione è particolarmente importante per il nostro Paese che detiene il maggior numero di gallerie della rete TEN.
Il riferimento normativo principale è il decreto legislativo n.264/2006 di recepimento della direttiva europea 54/2004/CE , che deve anche armonizzarsi, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti autorizzativi e procedurali, con il più recente D.P.R. 151/2011(Nuovo Regolamento di Prevenzione Incendi).
Si evidenzia che i principi della direttiva europea del 2004 erano ben noti ai nostri progettisti dai primi anni 2000 e fin da allora si attenevano alla direttiva per cui, oggi, il problema non è certo quello delle nuove gallerie ma l’adeguamento delle gallerie esistenti il cui costo è quasi sempre esorbitante.
Il decreto 264/2006 apre ampio spazio di intervento ai progettisti con l’art.3 quando “… determinati requisiti strutturali non sono realizzabili o che lo sono soltanto ad un costo non proporzionato i Gestori propongono alla Commissione … la realizzazione di misure di riduzione dei rischi come soluzione alternativa…” e poi l’art.14 indica la procedura per“ deroghe per innovazioni tecniche”. e l’art. 1.2 dell’allegato 2 individua i “requisiti minimi” che meglio sarebbe stato chiamarli “requisiti di base”.